Cerca nel sito:
<<< Torna indietro

DON GIOVANNI

di W.A. Mozart
coproduzione amici della musica di cuneo-asociazion Luis Mariano di IRUN(spagna)
teatro consorziale di budrio-accademia internazionale di musica di Milano

DON GIOVANNI di W.A. Mozart

Coproduzione Amici della musica di Cuneo – Asociazion Luis Mariano di IRUN (Spagna) – Teatro Consorziale di Budrio – Accademia Internazionale di musica di Milano

 

Don Giovanni (titolo originale: Il dissoluto punito ossia il Don Giovanni, K 527) è un'opera lirica, in due atti, del compositore salisburghese Wolfgang Amadeus Mozart. È la seconda delle tre opere italiane che il compositore salisburghese scrisse su libretto di Lorenzo Da Ponte, un librettista dell'epoca al servizio dell'imperatore d'Austria: precede Così fan tutte (K 588) e segue Le nozze di Figaro (K 492). Il Don Giovanni venne composto tra il marzo e l'ottobre del 1787, quando Mozart aveva 31 anni.

L'opera fu commissionata dall'imperatore Giuseppe II. Tuttavia il Don Giovanni non andò in scena per la prima volta a Vienna (al Burgtheater), bensì a Praga (al Teatro Nazionale di Praga). Da Ponte attinse per il libretto a numerose fonti letterarie dell'epoca.

Il filosofo danese Søren Kierkegaard ha scritto un lungo saggio in cui afferma, citando Charles Gounod, che il Don Giovanni di Mozart è "un lavoro senza macchia, di ininterrotta perfezione". Il finale, in cui Don Giovanni rifiuta di pentirsi, ha rappresentato argomentazione accattivante per filosofiche e artistiche dissertazioni di molti scrittori tra cui George Bernard Shaw, che nel Man e Superman parodiò l'opera (con esplicita menzione a Mozart per il cliente della scena finale tra il Commendatore e Don Giovanni).

Il Don Giovanni è considerato uno dei massimi capolavori della storia della musica, della cultura occidentale e dello stesso Mozart. Vi è in esso il riflesso di tutto il genio mozartiano nei diversi stili e modalità compositive e di un Settecento musicale giunto ormai all'apice del suo fulgore e alle porte dell'ormai prossimo Romanticismo.